Ceccano, storie di “ordinaria infedeltà”

286

Una vicenda dai contorni boccacceschi quella che si è consumata un paio di notti fa a Ceccano. Protagonista suo malgrado A. R. dipendente di un’azienda dove ha la reperibilità notturna. Il malcapitato, fuori casa per lavoro, è stato avvertito da un’amica che un uomo era stato notato, nella tarda serata, nel vialetto che conduce alla sua abitazione, in un appartamento sito nelle zone limitrofe al concessionario Nissan Santucci.

L’uomo, preoccupato per la presenza di ladri, ha allertato i vicini ed i carabinieri e con essi si è precipitato a casa, dove si trovava da sola la sua ormai quasi ex consorte, F. T., che lavora saltuariamente come addetta alle pulizie. Il figlio della coppia, un bambino di 8 anni che frequenta una scuola elementare di Frosinone, non era in casa perché rimasto a dormire dai nonni paterni a Ripi, paese di origine del papà. A.R. e suo figlio infatti spesso dormivano a casa dei suoi genitori perché la moglie per lavoro era solita alzarsi molto presto al mattino. Ed ecco consumarsi la vicenda tragicomica: davanti all’uomo (e non solo, perché accompagnato dai carabinieri nel frattempo giunti sul posto e da qualche vicino) la scena del tradimento: l’alcova violata da un focoso amante (sembrerebbe G. M., di Ceccano, sposato e padre di due figli, uno alla scuola media l’altro alla primaria) che si intratteneva con la moglie. L’uomo, attonito, ha iniziato ad inveire contro la donna, insultandola pesantemente. Il traditore poi avrebbe anche tentato la fuga provando a lanciarsi da una finestra (al secondo piano!) ma è stato trattenuto dai carabinieri ed invitato a rivestirsi ed al quale sono state chieste le generalità per l’identificazione.

Voci vicine alla coppia lascerebbero trapelare che si tratti di una relazione che dura da almeno sei anni. A. R., sconvolto dalla vicenda, attraverso i suoi avvocati ha fatto sapere di aver già avviato le pratiche per la separazione con addebito.

C’è però qualcosa in tutta questa vicenda che apre la strada al dubbio. Stando alle dichiarazioni rilasciate dall’uomo, sembrerebbe che abbia allertato in primis amici, parenti, l’avvocato, ed i carabinieri. Ma una persona che sia stata avvisata della possibile presenza di ladri intorno alla sua abitazione, non chiama per prima la moglie assieme ad i carabinieri sapendola sola in casa? L’uomo, forse già a conoscenza del tradimento che si perpetra da anni ha voluto smascherare la sua oramai ex moglie una volta e per tutte così da non passare più lui per bugiardo o sognatore. Tutto questo clamore potrebbe essere servito per chiudere un capitolo di vita a quanto pare sbagliato…