La Camera di Commercio Frosinone Latina protagonista al Salerno Boat Show

91
Settima giornata nazionale sull’Economia del Mare
Informare, l’Azienda Speciale della Camera di Commercio Frosinone Latina, ha curato la realizzazione del Workshop “Portualità turistica e nautica: sostenibilità e sviluppo”. L’intervento del consigliere delegato Antonello Testa

La Camera di Commercio Frosinone Latina promuove la settima giornata nazionale sull’Economia del Mare al Salerno Boat Show. In scena oggi, 12 novembre 2022, al Marina d’Arechi, il Workshop “Portualità turistica e nautica: sostenibilità e sviluppo” curato dall’Azienda Speciale Informare.

Ad introdurre i lavori, moderati dal giornalista Mariano Ragusa, Antonello Testa, consigliere delegato all’Economia del Mare dell’Azienda Speciale della CCIAA Frosinone Latina. Sono intervenuti: Agostino Gallozzi, presidente Marina d’Arechi; Attilio Maria Daconto, Comandante della Capitaneria di Porto di Salerno; Francesco Lo Schiavo, presidente FIV Campania; Pietro Vuolo, Marevivo – Aree Marine Protette e Paola Basso, Ceo BP Marinas esperto Bleu Smart Marinas. Le conclusioni sono state affidate ad Enrico Forte, presidente della Commissione Lavori Pubblici della Regione Lazio ed a Fulvio Bonavitacola, vice presidente Regione Campania.

L’intervento di Antonello Testa
“La Settima giornata nazionale sull’Economia del Mare è per noi un appuntamento annuale particolarmente importante in cui approfondire una o più tematiche riguardanti l’Economia del mare. Quest’anno abbiamo voluto dedicarlo alla portualità turistica e alla nautica, con un occhio particolare alla sostenibilità quale nuovo driver di sviluppo. Siamo particolarmente felici di poterne parlare in una location di tale pregio, quale è Marina d’Arechi, uno dei porti turistici più grandi e moderni del Mediterraneo. E di farlo nel corso di un evento, come il Salerno Boat Show, capace di attrarre appassionati, visitatori e così tante aziende della nautica. – Ha affermato il delegato Testa – È questa la testimonianza dell’integrazione e interconnessione costante tra le filiere che si occupano a vario titolo di mare. La nautica, in particolare, è in grado di valorizzare un vero e proprio distretto che dalla produzione e dalla cantieristica arriva fino alla promozione turistica dei territori. Come sistema camerale, sono più di 10 anni che lavoriamo per dare all’Economia del mare una sua riconoscibilità nel panorama istituzionale e politico italiano. Partendo prima di tutto dai dati. La Camera di Commercio di Frosinone-Latina e la nostra azienda speciale, Informare, sono gli ideatori di rilevanti azioni di monitoraggio e promozione nazionali.

Tra queste c’è sicuramente il Rapporto Nazionale, realizzato dal Centro Studi Tagliacarne e giunto alla sua decima edizione, che ogni anno evidenzia il valore dell’Economia del Mare e che è ormai punto di riferimento per tutte le analisi sul settore, anche a livello europeo. Con Unioncamere e Assonautica italiana stiamo organizzando gli Stati Generali delle Camere di Commercio sull’Economia del Mare. Un appuntamento fondamentale per rimettere al centro il mare anche nelle politiche del sistema delle imprese italiane. Per questo a giugno scorso abbiamo dato vita al Blue Forum Italia Network, la rete degli utenti del mare, con il 1° Summit Nazionale sull’Economia del Mare. Punto di partenza è stata la condivisione del ‘Manifesto Blue’ per un’Economia del Mare Sostenibile inclusiva e innovativa. Ispirato dal Manifesto di Assisi, dal Manifesto del Decennio del Mare e dal Blue Paper, il documento ha l’obiettivo di unire intorno ad alcuni punti comuni tutto il Sistema Mare italiano. Il prossimo appuntamento con il Summit sarà dal 25 al 27 maggio 2023, sempre a Gaeta, con l’obiettivo di riportare l’Italia e le sue politiche alla loro vera natura di Paese di mare. Un passaggio questo che avviene proprio nel momento in cui il Governo ha istituito il Ministero del Mare, raccogliendo le istanze che proprio durante lo scorso Blue Forum abbiamo recepito dalle varie rappresentanze del mondo imprenditoriale e associativo. Abbiamo tanto da fare per l’Economia del Mare. E possiamo farlo solo insieme”.