Lazio – Dal 7 febbraio “The Wall of Shadows” di Eliza Kubarska

448

Il quinto e ultimo appuntamento del progetto “La montagna al cinema”, rassegna cinematografica proposta da Mescalito Film sul rapporto tra il cinema e la montagna per raccontare “straordinarie imprese da rivivere insieme”. Questa volta il focus la scalata della parete est di Kumbhakarna, mai affrontata prima. Proiezioni in tre locations laziali diverse.

Per lo più dal 7 al 9 febbraio 2022, nelle sale di diverse regioni italiane, come appuntamento di chiusura della rassegna “La montagna al cinema. Straordinarie imprese da rivivere insieme”, proposta dalla casa di distribuzione cinematografica Mescalito Film e focalizzata sul rapporto fra la settima arte e la montagna, verrà proiettato “The Wall of Shadows” di Eliza Kubarska che fotografa il misurarsi con un tabù di una famiglia di Sherpa che, per guadagnare i soldi necessari all’istruzione del figlio, affronta la parete est di una delle montagne più sacre, Kumbhakarna, mai scalata prima.

Dopo “The Last Mountain” (2019) di Dariusz Załuski, “Climbing Iran”(2020) di Francesca Borghetti e “Streif: one hell of a ride” (2014) di Gerald Salmina, Naked Mountain” (2020) di Alex Txikon, la rassegna si chiude con “The Wall of Shadows” di Eliza Kubarska (2020), con una suggestione a tratti contemplativa, richiamando l’attenzione sulla dimensione spirituale della natura e dell’ambiente.

Dalla sinossi si legge: quando una famiglia di Sherpa viene avvicinata da un gruppo di scalatori, per accompagnarli in un trekking fino alla parete est del Kumbhakarna in Nepal, mai conquistata, si trova di fronte a un dilemma. La vetta, considerata più impegnativa del Monte Everest, nella religione locale del Kirant è considerata una montagna sacra che non deve essere scalata. Il padre vuole guadagnare con la spedizione il denaro necessario all’educazione del figlio. La madre, invece, è contraria alla scalata ma, per rendere possibile il sogno del figlio di diventare medico, alla fine accetta di guidare i tre stranieri sulla montagna.

“The Wall of Shadows” sarà proiettato in Lazio nelle seguenti sale nelle giornate che vanno dal 7 al 9 febbraio: UCI Cinemas Porta di Roma – via Alberto Lionello, 201 – (8 e 9/02); Cinema Farnese di Roma – piazza Campo de’ Fiori, 56 – (7, 8 e 9 febbraio); UCI Cinemas Parco Leonardo di Fiumicino (RM) – via Gian Lorenzo Bernini, 20/22 – (8 e 9/02).

“Un finale spirituale, ricco di valori in cui è evidente la misticità dell’ambiente. È palpabile il rispetto quasi assoluto verso la montagna da parte di una famiglia che per l’istruzione di uno dei suoi membri arriva a violare un tabù!”, afferma Francesco Notarangelo, responsabile della distribuzione di Mescalito Film.

“Tante sale in Italia e in particolare in Piemonte continuano ad appoggiare il nostro progetto che ha avuto l’indubbio merito di far riflettere gli spettatori sull’ambiente e sulle relazioni, a volte estreme, con pezzi del nostro pianeta di una bellezza mozzafiato mista a una grandissima pericolosità”, conclude Giorgio Beltrame, fondatore e responsabile della produzione di Mescalito Film.