L’innovazione nel Tessile: a Sora tavolo di confronto con Lazio Innova

296

“Imprese del tessile: verso l’innovazione”: questo l’interessante tema trattato oggi nel corso dell’incontro che si è tenuto presso la Sala Consiliare del Palazzo Comunale, a partire dalle 15.30. L’evento, patrocinato da Comune di Sora, Lazio Innova e Regione Lazio, ha visto l’attenta partecipazione da parte delle imprese e dei media locali. Sul tavolo di confronto l’importanza di una pronta risposta di innovazione da parte delle aziende presenti nel distretto tessile. Per il Comune di Sora hanno portato i loro saluti i promotori dell’incontro: il Consigliere delegato alle attività finalizzate al rilancio del distretto del tessile Marco Mollicone, il Consigliere alle Politiche del Lavoro Salvatore Lombardi e l’Assessore alle Attività Produttive e Commercio Andrea Alviani. (nella foto)

A trattare nel dettaglio la tematica dell’incontro è stata Silvia Turriziani, coordinatrice “Spazio Attivo Lazio Innova Ferentino”. Lazio Innova, nell’ambito delle proprie funzioni di assistenza tecnica alla Regione e di gestione della  Rete Spazio Attivo  informa cittadini, imprese, enti locali e associazioni sulle politiche comunitarie e i programmi di finanziamento regionali, per sensibilizzare il territorio sulle principali priorità europee e per promuovere la cittadinanza attiva a livello locale e regionale, in stretto raccordo con gli
Sportelli Europa della Regione.

La Dott.ssa Turriziani ha specificato che la Rete Spazio Attiva potrebbe supportare le imprese del distretto tessile nell’attivazione di laboratori di micro-innovazione aperta. I laboratori puntano a valorizzare economicamente i risultati della ricerca, introducendo e accelerando i processi di innovazione nell’economia regionale, con particolare riferimento alle Micro, Piccole e Medie imprese. I laboratori di micro-innovazione aperta offrono la possibilità di:
1) mettere le imprese tradizionali, anche artigiane, a confronto con innovatori e creativi per trovare e realizzare soluzioni efficaci alle esigenze di innovazione e digitalizzazione;
2) formare capitale umano per le imprese che hanno avviato processi di innovazione;
3) affiancare le imprese che già innovano e che hanno bisogno di un confronto strategico per determinare un ampliamento dell’innovazione nell’intera filiera di riferimento.