Perugia vince 3-1 a Cisterna

42
Un Palasport gremito di tifosi, erano in 2886 domenica pomeriggio ad assistere all’incontro tra la Top Volley Cisterna e la Sir Safety Susa Perugia. Nonostante i pronostici favorevoli agli umbri, arrivati imbattuti in via delle province, il match non è stato per nulla scontato. Coach Anastasi già nell’allenamento mattutino aveva provato una formazione titolare affidata alle seconde linee, una scelta tramontata subito dopo un secondo set perfetto da parte dei ragazzi di coach Soli. Tranne che per il risultato, gli avversari hanno replicato l’approccio iniziale messo in campo dalla Lube due settimane fa, poi risultato fatale per i marchigiani. La Top Volley Cisterna ha giocato alla pari della Sir Safety Susa Perugia che ha saputo accelerare nei momenti favorevoli sfruttando la potenza in battuta di Leon. Incontro al vertice vinto dagli umbri che confermano la prima posizione in classifica a punteggio pieno avendo vinto tutte le partite giocate. I pontini ora con 14 punti occupano la quarta posizione.
Denys Kaliberda (Top Volley Cisterna): “Abbiamo avuto la possibilità di portare a casa un punto, ma purtroppo non ci siamo riusciti. Quando perdi una partita non sei felice, c’è un po’ di rammarico, soprattutto quando perdi 3-1 e non porti a casa niente, ci siamo impegnati, senza mai scoraggiarci, Dopo il primo set c’è stata subito una bella reazione di squadra. Sono rientrato dopo aver avuto un problema con la schiena, con lo staff abbiamo lavorato bene, sono tornato in campo a piccoli step, ora non ho più nulla, sono guarito, sto veramente bene e sono tornato ad allenarmi al ritmo giusto insieme ai miei compagni. In questo campionato siamo stati un po’ altalenanti, ci sono state partite buone e altre così così, però sappiamo dar fastidio a ogni tipo di avversario, tutti conoscono il nostro valore. Un palazzetto così pieno ci ha dato gli stimoli giusti per far bene, è sempre bello giocare davanti a tanti tifosi”.

Inizio set punto a punto tra Cisterna e Perugia, in un Palasport stracolmo di tifosi, la sfida più avvincente passa per le mani di Baranowicz e Giannelli che armano magistralmente Dirlic e Leon, 6-8. Perugia prova la fuga e quando Leon non mette a segno l’ace ci pensano Rychlicki e Plotnytskyi a tenere il cubano in battuta, 10-17. Cisterna in confusione e i ragazzi di Anastasi ne approfittano prendendo il largo e chiudono il primo set 15-25. Cisterna prova a reagire e trova il momentaneo vantaggio dopo uno scambio lunghissimo chiuso da Dirlic, 3-2. I pontini avanzano trovando punti importanti con Kaliberda e Dirlic, 8-5. Cisterna mantiene il più tre grazie al muro di capitan Baranowicz su Leon, 10-7. Perugia in confusione e i bianco blu ne approfittano trovando il massimo vantaggio di più sei, 17-11. Anastasi corre ai ripari e mette dentro Semeniuk inizialmente lasciato in panchina, Cisterna risponde con l’ace ace di Baranowicz, 21-15. Sei palle set per Cisterna grazie alla diagonale imprendibile di Dirlic che fa segnare sul tabellone il numero 24, poi il croato si prende il set con un ace, 25-18. Perugia rientra in campo nel terzo set con il sestetto titolare, serie positiva di Russo in battuta che favorisce il vantaggio degli umbri, 3-5. Dirlic e Rossi tengono i laziali attaccati al treno degli avversari, 6-8. Un set in perfetto equilibrio, le due squadre sono ben messe inj campo e Cisterna trova il punto con Zingel che attacca veloce da posto uno, 10-11. Cisterna aggancia Perugia, pareggio di Dirlic, 12-12. Sorpasso Cisterna grazie all’errore di Solè che spara sulla rete, 16-15. Finale di set incandescente, i giocatori cisternesi non mollano, ma è Perugia a rimettere la testa avanti con Leon, che mette a terra due ace e poi mura Gutierrez, 18-23. Chiude il set Rychlicki, 20-25. Quarto set punto a punto Cisterna avanti un punto grazie all’ace di Sedlacek, 4-3. Leon spara una battuta in tribuna, poi doppio muro per Cisterna, il primo di Baranowicz su Plotnyskyi, poi Rossi chiude la porta in faccia a Rychlicki, 10-6. Gli umbri si rifanno sotto con Leon che trova la traiettoria giusta per mettere a terra la palla del meno uno, 15-14, poi Russo mura Kaliberda ed è pareggio, 15-15. La Top Volley si riporta avanti prima con Gutierrez e poi Sedlacek trova mani fuori degli avversari, 19-18. Gioco di prestigio al Palasport di Rossi che si inventa un pallonetto che lascia tutti a bocca aperta, 20-18. Di nuovo pareggio, Solè, 20-20. Perugia si aggiudica la partita vincendo il quarto set 25-22.

IL TABELLINO

Top Volley Cisterna – Sir Safety Susa Perugia: 1-3 (15-25;25-18; 20-25; 22-25)

Top Volley Cisterna: Zingel 4, Martinez (ne), Catania (L), Sedlacek 12, Zanni 1, Mattei (ne), Dirlic 15, Rossi 9, Staforini, Baranowicz 5, Bayram 1, Guiterrez 1. All.: Soli.

Sir Safety Susa Perugia: Giannelli 3, Herrera (ne), Rychlicki 21, Leon 23, Piccinelli (L), Solè 9, Russo 2, Colaci (L), Flavio 2, Semeniuk, Plotnytskyi 17, Ropret, Julio (ne), Mengozzi (ne). All.: Anastasi

ARBITRI: Rossi Alessandro e Lot Dominga.

Note:

Top Volley Cisterna: ace 5, err.batt. 8, ric.prf. 18%, att. 46%, muri 8.

Sir Safety Susa Perugia: ace 9, err.batt 21, ric.prf. 27%, att. 57%, muri 8.

Mvp: Kamil Rychlicki (Sir Safety Susa Perugia)

Spettatori: 2886