Regione – Rifiuti, la Lega attacca Zingaretti: mancata chiusura ciclo costa 200 milioni

99

“La mancata chiusura del ciclo rifiuti nel Lazio, dal 2015, ci costa 200 milioni di euro l’anno. Tutto questo per far smaltire l’immondizia da altre regioni o stati europei.  Nelle sue ultime dichiarazioni lèggiamo che Zingaretti dopo 9 anni si accorge che i rifiuti sono ricchezza. Per questo li ha trasferiti in altre regioni italiane!?”
Sono 9 anni che è alla guida del Lazio, e si è distinto per l’incapacità nel gestire il ciclo dei rifiuti, rincorrendo sempre l’emergenza, portando i rifiuti in impianti di altre regioni italiane come Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Abruzzo e Marche per un totale di 36mila e 400 tonnellate nel 2021. Ciò a riprova del fallimento totale di Zingaretti sul tema.
n aula ha portato, insieme alla sua maggioranza,  un testo che non risponde alle aspettative dei cittadini del Lazio ed è deficitario perché non prospetta una vera azione di localizzazione provinciale dello smaltimento dei rifiuti ma ancora una volta si fa di tutta l’erba un fascio. Non c’è una ricetta vera, una gestione sana dei rifiuti che possa portare alla regione una ricchezza che renda la città di Roma autonoma rispetto alla province. Le proposte messe in campo dalla Lega sono concrete. Ad esempio la bonifica dei presidi che da mezzo secolo insistono sul territorio del Lazio e una gestione provinciale degli Ato in grado di sopperire alle deficienze croniche di alcune strutture, come l’Ama che e’ diventata un’azienda di trasporto di rifiuti e non di smaltimento.
Per quanto riguarda la chiusura del ciclo dei rifiuti dentro la città di Roma: bisogna trovare una formula per non mortificare le periferie romane, una gestione che non deve essere essenzialmente praticata con una discarica dentro il raccordo.
Può essere portata avanti un’azione differente, che possa conferire in maniera diversa i rifiuti nelle altre province del Lazio, senza mortificarne alcune a scapito delle altre, e con una ricetta che possa valorizzare quelli prodotti in grande quantita’ dalla Capitale” ha concluso il consigliere regionale del Lazio Pasquale Ciacciarelli (Lega)