Rifiuti, la Lega non molla: Zingaretti inadempiente, pagano i Comuni

343

“Continua la telenovela sui rifiuti. Attore protagonista sempre Nicola Zingaretti, che ora sta attuando un braccio di ferro contro Rida Ambiente, di cui stanno pagando le conseguenze i 54 comuni che a partire dal 16 ottobre rischiano di non poter più smaltire il rifiuto indifferenziato. Quanto ancora dovremo continuare così? Dal 2017 manca un piano industriale ed anche uno  di risanamento di AMA e gli effetti si vedono; Il Governo deve nominare un Commissario sui rifiuti con pieni poteri per scrivere rapidamente un nuovo piano e costruire gli impianti necessari alla chiusura del ciclo. Il PD e Zingaretti governano la Regione da quasi un decennio, cosa è stato fatto in tutto questo tempo per tutelare i territori ed assicurare ai comuni una funzionante gestione dello smaltimento rifiuti? Bisogna chiudere il ciclo dei rifiuti nella Capitale, senza trasferimenti in altre province; realizzare un nuovo impianto in provincia di Roma teso all’economia circolare, al riciclo e riutilizzo delle materie prime secondo gli standard europei; Altre regioni su questo argomento ne hanno tratto profitto, quindi da rifiuto lo hanno trasformato in risorsa.  A causa dell’incapacità di Zingaretti nel Lazio questo non è possibile e la cosa ha dell’assurdo!”
Lo ha dichiarato, in una nota, il consigliere regionale della Lega Lazio Pasquale Ciacciarelli

(foto archivio)