Roma – Taxi, Santori (Lega): “Basta abusivi”

20
Fila di taxi parcheggiati alla stazione Termini nella giornata dello sciopero generale contro la manovra economica indetto dalla Cgil, Roma, 6 settembre 2011. ANSA / MASSIMO PERCOSSI
Chiesta una riunione urgente della Commissione mobilità capitolina

“Pochi controlli, degrado nei parcheggi, scarsa trasparenza nelle tariffe mentre i servizi di pagamento online restano un miraggio per romani e turisti. Questa la situazione dei taxi romani: è tempo di dire basta agli abusivi, aumentare i controlli e contrastare con maggior forza gli illeciti”. Lo dichiara in una nota il consigliere capitolino della Lega Fabrizio Santori, firmatario insieme alla capogruppo Simonetta Matone e ad altri consiglieri di Roma Capitale, in rappresentanza di FdI, Udc Forza Italia e M5S, della richiesta di convocare con urgenza la commissione Mobilità del Campidoglio su questo argomento.

“Un caos e un ricettacolo di abusi cui bisogna mettere fine: serve l’impegno della politica, la capacità di unire gli sforzi mirando al pieno rilancio della città, alla promozione dell’immagine di Roma, all’economia, alla sicurezza, valorizzando l’operato chi lavora con impegno ma subisce una concorrenza sleale e fuorilegge. L’illegalità deve essere contrastata ogni giorno, e in ogni ora del giorno”, prosegue Santori.

“Chiediamo al Sindaco, al direttore del Dipartimento mobilità e al comandante della Polizia Locale, che su questo tema sono totalmente assenti, un impegno utile a mettere subito in campo adeguati interventi per reprimere gli abusi, e vogliamo confrontarci con le organizzazioni sindacali del settore. I taxi sono un servizio prezioso che non può subire oltre l’assedio di operatori disonesti che gettano fango sull’intera categoria e mettono a repentaglio la sicurezza economica di migliaia di lavoratori e delle loro famiglie”, conclude Santori.