Roma – Topi d’auto in azione, sorpresi e arrestati

237
Non si ferma l’attività di prevenzione e controllo del territorio della Polizia
anche con agenti in borghese: ancora 2 persone, gravemente indiziate
di furto aggravato, arrestate grazie al tempestivo intervento dei poliziotti
Grazie all’intensificazione dei servizi di controllo del territorio gli agenti della Polizia di Stato, in divisa ed in borghese, hanno tempestivamente arrestato, in 2 diverse circostanze, 2 uomini che stavano rubando all’interno di autovetture regolarmente parcheggiate.
Nella mattinata di mercoledì scorso, i poliziotti del commissariato Celio hanno arrestato, in flagranza di reato, un cittadino cileno gravemente indiziato del reato di tentato furto aggravato. Il 33enne, dopo aver rotto il deflettore posteriore dell’auto, è stato sorpreso mentre stava frugando all’interno di questa, in sosta in Via Claudia. Arresto convalidato dall’Autorità Giudiziaria.
Analogo episodio è stato interrotto, nella serata dello stesso giorno, dai Falchi della Squadra Mobile della Questura. Mentre gli investigatori erano impegnati nel servizio di prevenzione e repressione dei reati predatori nelle zone di Colombo e San Paolo, hanno visto un uomo infrangere con il gomito il finestrino di un’utilitaria regolarmente parcheggiata in Via Ostiense, prendere uno zaino che era all’interno e scappare via.
Immediatamente si sono messi all’inseguimento del giovane bosniaco fermandolo poco dopo: il ragazzo ha cercato di divincolarsi sferrando calci e pugni contro i poliziotti, uno dei quali è stato poi refertato e giudicato guaribile in 7 giorni dai medici del Pronto Soccorso. Il 18enne è stato quindi arrestato in quanto gravemente indiziato per furto aggravato, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Dopo la convalida dell’arresto, per lui è stato disposto l’obbligo della firma. (dalla Questura)