Volley – Cisterna si conferma ottava forza del campionato di SuperLega

145

La Top Volley Cisterna si conferma ottava forza del campionato di SuperLega Credem Banca. I ragazzi di coach Fabio Soli hanno superato Trento con un rotondo 3-0 e strappato di diritto il biglietto d’ingresso per i playoff scudetto. Un risultato arrivato sette giorni dopo aver chiuso la questione salvezza, conquistata sul parterre del Pala De Andrè con la vittoria per 3-1 su Ravenna. Tra i protagonisti del 3-0 alla Itas Trentino oltre Stephen Maar, Mvp dell’incontro, il toscanaccio bianco blu, Giacomo Raffaelli e Matteo Picchio chiamato a sostituire il grillo atomico Domenico Cavaccini. Domenica 27 marzo alle 18, al Pala Barton in terra umbra, inizia la fase finale per la conquista del titolo nazionale, al meglio dei tre incontri. Dall’altra parte della rete c’è la Sir Safety Conad Perugia incontri validi per gli ottavi di playoff scudetto.

Michele Baranowicz (capitano Top Volley Cisterna): “È stato bello, una vittoria sudata, perché loro nonostante le assenze, con le scelte che hanno fatto, hanno messo in campo un sestetto che avrebbe potuto darci fastidio. Noi arrivavamo da una settimana complicata, con le continue difficoltà che hanno caratterizzato questa stagione, non è stato facile. Come sempre, poi, siamo venuti fuori con il gruppo e abbiamo portato a casa una vittoria incredibile. Sono arrivati i playoff. Ad inizio stagione nessuno avrebbe scommesso su di noi, neanche per la salvezza, anzi ci davano per retrocessi. Esserci salvati con una giornata di anticipo ed aver conquistato la partecipazione alla fase finale scudetto, con dietro squadre sicuramente più attrezzate di noi, basti pensare a Vibo Valentia che è retrocessa, ci ha riempito d’orgoglio. Abbiamo fatto veramente una stagione incredibile, con tutte le difficoltà, è stato veramente fantastico. Adesso ci godiamo i playoff per quello che saranno, andiamo a Perugia, una squadra, probabilmente la più forte del campionato, che è destinata a vincere tutto. Dobbiamo vivere il momento, senza pensare a cosa potremmo o non potremmo fare, scendere in campo e dare tutto quello che abbiamo”.